Sensazione di fame chimica incontrollabile? Scoperto un gene che regola i disturbi alimentari

L'obesità patologica è causata da un gene secondo gli esperti del Georgetown University Medical Center

Sensazione di fame chimica incontrollabile? Scoperto un gene che regola i disturbi alimentari


Avete sempre una sensazione di fame? Non vi sentite mai pienamente soddisfatti e mangereste in continuazione? Rivolgersi a costose diete potrebbe essere inutile, la causa della vostra patologia potrebbe essere rintracciabile in un gene dei cromosomi, secondo uno studio appena pubblicato Nature Medicine.
 
Il cosiddetto BDNF, il 'gene-gola' è stato individuato in una popolazione di topi di montagna e sarebbe responsabile dei disturbi a livello di appetito che colpiscono anche gli esseri umani. Sua sarebbe la responsabilità di comunicare ai neuroni del cervello di trasmettere segnali che dicono che il corpo ha mangiato a sufficienza. Quando non funziona bene, l'obesità diventa patologica e la sensazione di fame persiste nonostante lo stomaco sia effettivamente pieno.
 
Capirete quindi che questa scoperta rimette in discussione molto di quanto sapevamo: gli individui sovrappeso non sarebbero consapevolmente responsabili dei loro disturbi alimentari e dimagrire potrebbe riguardare più la scienza medica che la psicologia.
La ricerca è stata condotta dal team di Baoji Xu presso il Georgetown University Medical Center ed entra adesso in una fase molto delicata. Si cerca infatti un “antidoto”, un farmaco o un rimedio che possa stimolare l'espressione del gene che controlla la sensazione di appetito.


Il gene stimola il rilascio di leptina e insulina, due ormoni che devono raggiungere l'ipotalamo e che sono deputati a “dire” al corpo di smettere di mangiare. In alcuni soggetti, gli obesi appunto, il gene BDNF avrebbe subito una mutazione degenerativa.


Al momento la ricerca si ferma qui: gli studiosi non hanno ancora capito in che modo il gene si rapporta ai processi digestivi e metabolici e soprattutto quale correlazione esiste con il peso corporeo.





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy