La pillola anticoncezionale: speciale innovazione in contraccezione

Contraccezione sicura e con un minor numero possibile di effetti collaterali

La pillola anticoncezionale: speciale innovazione in contraccezione

La recentissima pillola anticoncezionale contenente l’estradiolo, l’estrogeno identico a quello prodotto naturalmente dalla donna durante il ciclo mestruale, è un prodotto innovativo, ideato appositamente per venire incontro in maniera efficace alle esigenze delle donne che desiderano una contraccezione sicura e  con un minor numero possibile di effetti collaterali.

Nell’estate 2011 infatti, a seguito di rigidi test scientifici, il CHMP (Committee for Medicinal Products for Human Use) ha rilasciato l’autorizzazione all’entrata in commercio di Zoely in tutta l’Unione Europea, valutando molto positivi i suoi benefici e soprattutto considerando di buon livello la sicurezza per la persona che ne fa uso.

Ogni singola confezione di questa nuova pillola anticoncezionale contiene due diversi tipi di compresse: compresse bianche e compresse gialle. Le compresse bianche contengono delle piccole quantità di due diversi ormoni femminili, e prendono dunque  il nome di “piccole combinate”, mentre quelle gialle non contengono ormoni, e corrispondono alle cosiddette “compresse placebo”.

Seguendo nell’assunzione delle compresse, il semplice criterio illustrato nei dettagli nel foglietto illustrativo significa per la donna avere la certezza di non iniziare delle indesiderate gravidanze. 

Per seguire il criterio suggerito per l’assunzione del prodotto, sono messe a disposizione una serie di etichette adesive da incollare direttamente sul blister per avere ben chiara ogni fase del trattamento.

Nel corso dell’assunzione di questa nuova pillola contraccettiva, la donna vive un regolare ciclo mestruale; per ogni eventuale ritardo o nel caso di perdite di sangue inattese, il foglio illustrativo fornisce alla donna tutte le indicazioni necessarie sulle misure da adottare.

Come le altre pillole contraccettive, anche quest’ultima nata agisce bloccando l’ovulazione, alterando il muco cervicale e assottigliando l’endometrio (il rivestimento interno dell’utero). Il blister è da 24 compresse attive e 4 compresse inattive gialle, senza principi attivi.

Pillola anticoncezionale, conosciuta soltanto dal 2% delle donne europee

Pillola anticoncezionale: da 50 anni sul mercato europeo, ma soltanto il 2% delle donne del vecchio continente ne conosce il funzionamento, a dispetto delle 100 milioni che ne fanno uso in tutto il mondo.

A svelare la strana verità è stata una ricerca pubblicata sulla rivista Contraception e condotta in Germania, Francia, Gran Bretagna, Svezia e Romania, nella quale è riportato che tre intervistate su quattro vorrebbero ottenere maggiori informazioni su questo farmaco, il quale ha compiuto mezzo secolo in Europa proprio pochi mesi fa.

Il professor Francesco Primiero dell’Università La Sapienza di Roma ha affermato che i suddetti dati non facciano altro che confermare il motivo per il quale esistano ancora molti pregiudizi e luoghi comuni sulla pillola anticoncezionale: molti pensano che possa essere dannosa per la salute, quando invece è vero l’esatto contrario, considerando che i dati raccolti su 46,000 donne seguite per circa 40 anni hanno dimostrato che permette di vivere più a lungo.

I benefici della pillola anticoncezionale riguarderebbero anche un maggior controllo delle mestruazioni abbondanti, della sintomatologia premestruale, fino a miglioramenti per l’acne, spesso causa nelle più giovani di problematiche psicologiche e di relazione con gli altri.

Primiero ha aggiunto che a fornire maggiori benefici sarebbero proprio i progestinici di ultima generazione, come il drospirenone, è questo sarebbe stato confermato dai comitati riuniti dall’FDA a dicembre 2011; Andreas Fibig, CEO di Bayer, ha invece affermato che nell’immediato futuro la ricerca si concentrerà sulle migliori combinazioni e sul periodo di somministrazione al fine di ridurre ai minimi le fluttuazioni ormonali.

Prendere la pillola: per scongiurare il rischio di gravidanze 

Le donne che hanno l’abitudine di prendere la pillola, per scongiurare in maniera efficace il rischio di gravidanze indesiderate, possono oggi fare affidamento su di un nuovo prodotto in grado di garantire sicurezza e massima efficacia: stiamo parlando della nuova pillola anticoncezionale di Teva-Theramex contenente l’estradiolo, estrogeno identico a quello prodotto naturalmente dalla donna durante il ciclo mestruale, e il nomegestrolo acetato che è un altro tipo di ormone.

Questo nuovo contraccettivo è un prodotto innovativo, frutto di lunghi e laboriosi studi, il quale nell’estate del 2011 ha ricevuto da parte del CHMP, il Committee for Medicinal Products for Human Use, l’autorizzazione all’ingresso in commercio.

Il prestigioso organismo ha valutato positivamente l’efficacia del nuovo prodotto, e soprattutto lo ha considerato privo di rischi per la salute della donna, salvo eventuali piccole controindicazioni che rientrano nell’ordinaria amministrazione dei farmaci analoghi.

L’uso di questa nuova pillola contraccettiva si basa sul consumo, secondo uno schema preciso adeguatamente illustrato nel foglio illustrativo, di due differenti tipologie di compresse, entrambe contenute nella medesima confezione: le compresse bianche e le compresse gialle.

Le compresse bianche sono le cosiddette “compresse combinate”, le quali contengono due tipi di ormoni, ovvero nomegestrolo acetato ed estradiolo; le compresse gialle invece non contengono ormoni, e sono definite “compresse placebo”.

Per seguire in maniera efficace lo schema di assunzione delle varie piccole, il quale è illustrato in ogni dettaglio nel foglio illustrativo, sono a disposizione della donna che si sottopone al trattamento delle etichette adesive da incollare sul blister ogni volta che si prende una compressa secondo le modalità indicate.

Andrea Proietti e Riccardo G.

 

 

 

 

 

 

 

 

 





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy