Dieta carboidrati sera perchè evitarla?

Per quale motivo una dieta ricca di carboidrati la sera può essere sconsigliabile?

Dieta carboidrati sera perchè evitarla?

Scegliere di seguire una dieta priva di carboidrati la sera è sicuramente un'ottima idea per chi desidera smaltire dei chili di troppo, allo stesso tempo eccedere con i macronutrienti nell’ultimo pasto della giornata può rivelarsi deleterio, soprattutto per chi ha la necessità di tenere sotto controllo il proprio peso. Vediamo per quale motivo.

 

Ovviamente, per seguire una dieta bilanciata l'aspetto fondamentale è assumere una corretta quantità di calorie e di sostanze nutritive (carboidrati, proteine, grassi...) nel corso della giornata, ma anche la suddivisione dei pasti nell'ambito delle 24 ore ha la sua influenza.

 

E' risaputo, ad esempio, che è bene suddividere l'apporto calorico giornaliero in più pasti, magari intervallati con uno spuntino, ed evitare i pasti particolarmente abbondanti, perdipiù dopo ore di digiuno.

 

Ovviamente un nutrizionista può rivelarsi notevolmente più preciso in tal senso, anzi avvalersi di una consulenza di questo tipo è quantomai provvidenziale; è utile ricordare, a tal riguardo, che solo ed esclusivamente un nutrizionista può suggerire una dieta ad un proprio cliente, dunque professionisti di differente profilo, come ad esempio un istruttore sportivo, possono esclusivamente limitarsi a fornire delle indicazioni di massima da questo punto di vista.

 

Si può certamente affermare che qualsiasi tipo di dieta, anche nel caso in cui si abbiano finalità particolari quali incrementare la massa muscolare o perdere del peso, deve essere sufficientemente varia ed equilibrata, e diete eccessivamente sbilanciate, come ad esempio le diete fondate su un’alimentazione esclusivamente proteina, non sono destinate ad offrire dei risultati apprezzabili, e allo stesso tempo possono rivelarsi deleterie per l’organismo.

 

L’orario in cui si assumono i vari nutrienti, ad ogni modo, ha il suo “peso” dal punto di vista nutrizionale, ecco perché è assolutamente sensato parlare di “carboidrati la sera” e del fatto che questo macronutriente non deve essere consumato in quantità eccessive in questo frangente della giornata.

 

Per quale motivo si parla, dunque, di "dieta di carboidrati la sera"? Che cosa consigliano i nutrizionisti a chi desidera dimagrire o semplicemente mantenere un buon stato di forma?

 

Come noto, i carboidrati sono assieme agli zuccheri una delle principali fonti di energia per l'organismo: queste sostanze sono assimilate con lentezza, proprio perchè rappresentano una riserva di energia che si rende subito disponibile per essere bruciata.

 

E’ davvero evidente, insomma, come l’apporto dei carboidrati sia importantissimo, e sarebbe sicuramente scorretto, oltre che tecnicamente improbabile, eliminare in modo totale questi elementi dalle proprie abitudini alimentari.

 

Nel caso in cui i carboidrati vengano consumati in quantità eccessive, oppure qualora non siano smaltiti in modo adeguato in seguito, vi è la concreta possibilità che possano trasformarsi in tessuto adiposo, quindi in indesiderati depositi di grasso.

 

Che cosa succede, dunque, se si assumono rilevanti quantità di carboidrati a cena?

 

Essendo consumati a poche ore dal riposo notturno, in un momento della giornata in cui certo non può seguire dell'attività fisica, i carboidrati non vengono tramutati in energia, e tendono dunque a trasformarsi in tessuto adiposo, ovvero in grasso.

 

Per questa ragione, dunque, è sicuramente una buona regola quella di prediligere i carboidrati a pranzo, quando vi è tutto il tempo di smaltirli tramite un'attività sportiva o anche con del semplice moto, e preferire alimenti principalmente proteici alla sera.

 

Il classico piatto di pasta a cui non potremmo mai rinunciare, dunque, va consumato preferibilmente a pranzo.

 

Oltre a questo, è utile sottolineare che andare a letto subito dopo aver cenato non è salutare, dal momento che rallenta notevolmente il metabolismo ed aumenta il rischio di accumulare dei chili di troppo; molto meglio andare a riposare almeno due ore dopo l'ultimo pasto della giornata.

 

Per questi motivi, dunque, una dieta ricca di carboidrati alla sera può rivelarsi pessima per chi desidera smaltire del grasso, o semplicemente mantenere una buona forma fisica; molto meglio, come detto, concentrare l'assunzione delle quantità di carboidrati giornaliere consigliate principalmente negli altri pasti della giornata.

 

Ovviamente, il discorso è differente nel caso in cui una persona abbia un bioritmo completamente differente rispetto a quello classico, magari svegliandosi all’ora di pranzo e lavorando durante la notte: a molte ore di distanza dall’andare a dormire, infatti, un piatto di pasta o comunque una ricca quantità di carboidrati non rappresenta certamente un problema per la linea, soprattutto se si prevede di camminare o di fare del movimento fisico.

 

Se ci si affida ad un nutrizionista, come suggerito in precedenza, il professionista saprà certamente essere molto preciso anche per quanto riguarda gli orari in cui i vari pasti andranno consumati: valutando in modo attento lo stile di vita della persona, l’orario in cui abitualmente va a dormire e il movimento fisico svolto, un nutrizionista potrà suggerire in modo molto preciso le quantità di carboidrati, di proteine e di altri elementi da prevedere in ogni pasto.

 

Ovviamente, il nutrizionista può suggerire anche una dieta settimanale, pianificando giorno per giorni gli alimenti da preparare e da assumere a colazione, a pranzo, a cena e negli spuntini intermedi.

 

Riccardo G.





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy