Cos'è la carnitina? Perchè è nutrizionalmente importante?

Carnitina: un elemento nutrizionale importanti per l'organismo

Cos'è la carnitina? Perchè è nutrizionalmente importante?

La carnitina, elemento naturalmente contenuto in molti alimenti, è nutrizionalmente importante per molteplici motivi. Scopriamo quali.

La carnitina è un elemento nutrizionale molto importante, il quale può vantare una serie di effetti benefici davvero notevoli nei confronti dell’organismo umano.

La carnitina è esattamente un aminoacido, il quale può essere naturalmente individuato all’interno di una vasta gamma di alimenti; seguendo una dieta sufficientemente varia ed equilibrata, in genere, non vi è alcun rischio di essere interessati da una carenza di carnitina, in caso contrario invece questa eventualità è assai più consueta per chi segue una dieta vegana o vegetariana.

Le peculiarità nutrizionali della carnitina sono importanti anche dal punto di vista curativo: questa sostanza, infatti, è spesso consigliata a soggetti interessati da determinate patologie, come ad esempio da disturbi cardiaci.

In queste occasioni, in genere, si utilizza esattamente acetil l carnitina, ovvero un intermedio metabolico derivante dalla carnitina che vanta preziose proprietà.

Ma quali sono, quindi, le proprietà della carnitina? Per quale motivo sono riconosciute, a questa sostanza, delle funzioni molto importanti?

La peculiarità principale della carnitina è sicuramente quella di riuscire a convertire i grassi in energia, un aspetto questo certamente importantissimo sia per gli sportivi, sia per chi desidera conservare un buon stato di forma.

Non c’è da stupirsi, insomma, se il consumo di carnitina nelle dosi suggerite sia spesso vivamente consigliato, e che questa sostanza sia spesso proposta anche sottoforma di integratore alimentare, soprattutto nell’ambito degli integratori per sportivi.

La carnitina, insomma, può essere davvero un prezioso alleato del benessere e della forma fisica; sia chiaro, tuttavia, che la carnitina non è e non può in alcun caso essere un “brucia grassi”, al contrario si tratta di un elemento naturale che, come detto, può favorire lo smaltimento dei tessuti adiposi accumulati tramite l’attività fisica.

Il consumo di carnitina in assenza di movimento fisico, insomma, è del tutto inutile dal punto di vista della forma fisica.

E’ stato effettivamente dimostrato che questo ruolo biologico della carnitina è importantissimo: questo elemento, infatti, è accelera quei processi metabolici tramite cui l’organismo attinge dalle proprie riserve di grasso per produrre energia da bruciare con uno sforzo atletico.

Dal punto di vista sportivo, peraltro, c’è anche un altro aspetto che rende la carnitina un elemento particolarmente interessante: le caratteristiche biologiche della carnitina, infatti, la rendono una sostanza potenzialmente utile a ridurre la produzione di acido lattico da parte della muscolatura, di conseguenza l’apporto della carnitina può rivelarsi utile nel migliorare la prestazione atletica e nell’accelerare i tempi di recupero dopo l’attività agonistica.

La carnitina è spesso confusa con la creatina, ma in realtà il profilo nutrizionale di questi due elementi è profondamente differente, e lo stesso si può dire per quanto riguarda il confronto tra carnitina e proteine.

Mentre le proteine devono essere consumate prevalentemente dopo un’attività atletica, per quanto riguarda nello specifico le attività sportive che richiedono un dispendio muscolare legato fondamentalmente alla potenza, come è il caso del Body Building, la carnitina deve essere consumata prima dell’attività sportiva, e soprattutto si rivela un elemento nutrizionale particolarmente adatto a chi fa delle attività atletiche che richiedono un dispendio energetico notevole.

Gli integratori di carnitina, per tale ragione, sono vivamente suggeriti non tanto a chi pratica Body Building o discipline simili, quanto piuttosto a chi pratica discipline aerobico che richiedono una grande resistenza, come ad esempio il ciclismo o la corsa.

E’ indubbio che la carnitina abbia degli effetti molto positivi in questi casi, tuttavia le reali potenzialità di questo elemento nutrizionale per quel che riguarda i risvolti atletici sono ancora oggetto di studio, e sono interpretate spesso in modo controverso.

A prescindere da questo, prevedere le giuste dosi di carnitina nelle proprie abitudini alimentari è senza dubbio molto positivo; non esiste, da questo punto di vista, un’indicazione precisa circa le quantità suggerite, ma come detto in precedenza alimentandosi in modo vario e sufficientemente ricco è davvero improbabile essere interessati da una carenza di carnitina.

Quali sono, quindi, gli alimenti che contengono maggiori quantità di carnitina?

La carne, sicuramente, è uno degli alimenti più importanti da questo punto di vista: una bistecca di manzo, infatti, contiene una quantità di carnitina davvero considerevole.

Altri cibi che meritano di essere menzionati sono sicuramente il latte intero, il pollo, il merluzzo, il formaggio, il pane, e perfino nel gelato è possibile individuarne buone quantità, dal momento che questo dolce così diffuso è composto per elevate percentuali proprio da latte.>

Gli integratori di carnitina sono in genere suggeriti a sportivi che praticano con costanza e ad elevati livelli prestazionali delle discipline particolarmente dispendiose a livello energetico; allo stesso tempo, inoltre, gli integratori di carnitina sono proposti dai medici nei confronti di pazienti interessati da determinati tipi di patologie cardiache.

Sebbene si stia parlando di una sostanza del tutto naturale e naturalmente contenuta in molti diversi alimenti, è certamente positivo evitare di consumarne in quantità eccessive: il consumo esagerato di carnitina, infatti, può certamente essere causa di vomito, sensazioni di nausea o altri disturbi analoghi.

Insomma, la carnitina è realmente un elemento nutrizionale molto importante, e le sue proprietà si rivelano particolarmente interessanti soprattutto per gli sportivi che praticano discipline che comportano un alto dispendio di energie.





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy