Alzheimer e acquisti compulsivi: ecco la pillola

La stessa sostanza chimica, contenuta in una pillola, agirebbe sia nel trattamento dell'Alzheimer sia nello shopping compulsivo

Alzheimer e acquisti compulsivi: ecco la pillola

Spendi e spandi? Segue il senso di colpa? Esiste la terapia, una compressa che si usa anche nell’Alzheimer.

Gli psichiatri dell'Universita' del Minnesota hanno svolto uno studio su un campione di persone di eta' compresa tra i 19 e i 59 anni a cui era stata diagnosticata la sindrome dello shopping compulsivo per un periodo di 8 settimane.

Lo studio consisteva nel far assumere al campione la memantina, una sostanza che viene usata nelle prevenzione dell’Alzheimer.

Perché agirebbe la memantina?

Questa sostanza agirebbe sul glutammato chimico nel cervello, che potrebbe essere coinvolto nel comportamento ossessivo compulsivo oltre che sulla demenza.

Con l’uso di questa sostanza quindi si ridurrebbe la frequenza degli acquisti traendo dei benefici notevoli per le persone che ne sono affette. 





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy