35 grammi al giorno di cioccolato fondente per rafforzare la massa muscolare magra

Una nuova benedizione per i polifenoli del cacao da parte della comunità scientifica

35 grammi al giorno di cioccolato fondente per rafforzare la massa muscolare magra

Si sente sempre dire che la cioccolata fondente fa bene alla salute ed adesso che la Pasqua si sta avvicinando abbiamo qualche motivo in più per scoprire insieme i benefici della cioccolata fondente nella dieta quotidiana.

Ovviamente quando si parla di cioccolata si pensa subito al peccato di gola, al dolce per eccellenza, alla delizia tanto amata da grandi e piccini.

Le persone che non apprezzano il cioccolato sono davvero poche, tuttavia questo alimento deve essere consumato sempre nelle giuste quantità senza mai esagerare.

Non si può negare il fatto che il cioccolato contenga importanti quantità di grassi e di zuccheri, di conseguenza non può certo essere un alimento "amico" delle persone che desiderano ridurre il loro peso corporeo, allo stesso modo chi è attento alla linea e chi deve essere oculato nella sua alimentazioni non può permettersi troppi peccati di gola, altrimenti la sua forma ne potrebbe risentire.

Ovviamente quanto detto non significa che il cioccolato debba essere "demonizzato": la regola di seguire una dieta varia vale per chiunque, di conseguenza consumare questo alimento nelle giuste quantità, o comunque più in generale dei dolci nelle giuste quantità, non può assolutamente fare male.

D'altronde nessun alimento può essere considerato a priori come "negativo": il "segreto di una buona alimentazione è quello di scegliere con la dovuta accortezza le quantità dei vari alimenti e di rapportarle al proprio fabbisogno, e questo discorso è assolutamente valido anche per il cioccolato.

Anche il cioccolato d'altronde ha molte proprietà interessanti, le quali sono state peraltro riconosciute da apposite ricerche scientifiche.

Gli esempi, da questo punto di vista, sono tanti, a cominciare dal fatto che il cioccolato è un alimento piuttosto ricco di antiossidanti, per via della ricca presenza di cacao all'interno della sua composizione.

Gli antiossidanti sono senza dubbio un elemento nutrizionale molto interessante: gli antiossidanti agiscono in modo mirato contro i radicali liberi, ovvero i principali responsabili dell'invecchiamento cellulare, e ne contrastano l'effetto deleterio.

I radicali liberi tendono ad accentuarsi nelle fasi di particolare stress psico-fisico, ad ogni modo senza oltremodo approfondire questi aspetti si può affermare senza esitazioni che gli antiossidanti sono degli elementi davvero preziosissimi per il benessere dell'organismo.

Non è raro che gli antiossidanti, proprio in virtù di questa loro particolare azione, siano considerati dei veri e propri alimenti anti-tumorali, ovviamente però si sta parlando di malattie estremamente complesse, per molti versi oscure e purtroppo fatali in diverse occasioni, di conseguenza non ci si può sbilanciare in questo modo e fare delle dichiarazioni così ottimistiche.

Il grande apporto di antiossidanti è un importante punto di forza del cioccolato, dunque, ma non è l'unico: i nutrizionisti sono concordi nel sostenere che il cioccolato sia un ottimo alimento anche per via del suo ricco apporti di polifenoli, un gruppo di elementi naturali piuttosto variegato il quale sa rivelarsi utile per l'organismo umano sotto molteplici punti di vista.

Gli stessi polifenoli sono degli antiossidanti, appunto, allo stesso tempo vantano importanti proprietà quali quelle antibatteriche, antimicrobiche, o antiaterogene: da quest'ultimo punto di vista la presenza dei polifenoli è considerata ottima per il benessere cardiaco, anche nell'ottica della prevenzione di infarti, ictus e altre problematiche piuttosto serie.

Relativamente all'importanza dei polifenoli e alla ricca quantità di questi elementi che contraddistingue il cioccolato si può menzionare uno studio finanziato in America dall'istituto nazionale per la salute (NHI), e pubblicato negli Archives of Internal Medicine (e sul British Medical Journal, BMJ) proprio in questi giorni.

Le proprietà benefiche del cioccolato fondente sono sorprendenti: riesce a rinforzare la massa muscolare magra rispetto a quella grassa, inducendo così una complessiva riduzione del peso, e questa è una peculiarità assolutamente nuova rispetto ai punti di forza che abbiamo menzionato.


L'esperimento condotto presso l'University of California di San Diego ha riguardato un campione di 1.000 individui eterogeneo per età, sesso, peso, dieta basata su grassi o verdura.  I vantaggi del consumo di cioccolato influiscono sull'indice di massa corporea (il rapporto fra il peso e l'altezza elevata alla seconda), che risultava più basso nei soggetti che mangiavano cioccolata più  frequentemente.


L'azione della cioccolata è piuttosto complessa: i polifenoli hanno effetti anti-infiammatori, agiscono nella prevenzione del cancro, dei disturbi cardiovascolari, tra cui ictus, ipertensione e malattie coronariche, nonché dell'Alzheimer.


Il cioccolato più ricco in polifenoli è quello che contiene almeno il 70 % di cacao puro. La nuova conferma delle proprietà benefiche dal punto di vista nutritivo del cacao, non deve comunque spingerci ad esagerare. Dobbiamo quindi chiederci... qual è il giusto apporto di cioccolato in una dieta sana?


Gli esperti dicono che 35 grammi di cioccolato fondente possono essere tranquillamente introdotti nella dieta quotidiana, ma questo d'altronde non stupisce: come si diceva in precedenza nessun alimento deve essere considerato nemico del benessere e di una buona linea, ma solo l'eccesso può rivelarsi dannoso.

Ovviamente questa notizia potrebbe scatenare i classici clamori, oppure i titoli web ad effetto quali: "il cioccolato fa dimagrire": quanto emerso da questo studio in realtà non fa altro che confermare quanto detto all'inizio e quanto qualsiasi nutrizionista potrebbe confermare: alimentarsi in modo vario, senza escludere categorie di cibi, è la migliore "via" da seguire per preservare il proprio benessere.





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy