Tumore alla prostata, ecco i dubbi sulla prevenzione

I test e controlli non sarebbero utili nei casi di tumore alla prostata

Tumore alla prostata, ecco i dubbi sulla prevenzione

Tumore alla prostata, il controllo annuale non servirebbe a ridurre la mortalità.

La notizia sul tumore alla prostata arriva dagli Usa, dopo che è stato condotto uno studio dalla Washinghton University School of Medicine, pubblicato sul Journal of the National cancer institute. 

Lo studio ha coinvolto ben 76.000 uomini dai 55 ai 70 anni, per un periodo di 10/13 anni. 

Lo studio rivela che il tumore alla prostata è un tumore a decorso lento, quindi difficilmente è letale. 

I ricercatori azzardano questa ipotesi basandosi sull'evidenza che con i controlli annuali di routine, l'esame digitale della prostata e la conta degli anticorpi, si scoprono il 12% in più di tumori rispetto a chi fa i controlli solo per accertamenti. 

Nonostante questi risultati, la mortalità tra i due gruppi è la stessa. 

Questo implica che i controlli non servono a ridurre la mortalità dei malati di tumore alla prostata. 





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy