Olio d'oliva: un toccasana per il cuore e non solo

Le proprietà benefiche dell'olio di oliva

Olio d'oliva: un toccasana per il cuore e non solo

Quando si parla di grassi salutari, il pensiero volge subito all’olio di oliva. Extravergine, soprattutto. Ma perché? Che cosa ha di speciale questo grasso tanto elogiato?

A prescindere dalle proprietà organolettiche, che fanno di questo alimento il re indiscusso della cucina mediterranea, l’olio di oliva ha una composizione particolarmente ricca di sostanze ad azione benefica sull’organismo.

A differenza dei grassi di origine animale e di vari altri grassi di origine vegetale, l’olio di oliva ha un elevatissimo contenuto di acidi grassi monoinsaturi ad effetto ipocolesterolemizzante. Non solo gli acidi grassi monoinsaturi, come l’acido oleico contenuto nell’olio di oliva, abbassano i livelli ematici del colesterolo LDL (il cosiddetto colesterolo “cattivo”), ma inducono anche un aumento del colesterolo HDL (colesterolo “buono”), con conseguenti effetti marcatamente protettivi e preventivi nei confronti dell’aterosclerosi e dell’instaurarsi di patologie cardiovascolari.

Alla frazione lipidica, che rappresenta nel complesso il 98-99% della composizione dell’olio di oliva, si deve poi aggiungere la cosiddetta “frazione insaponificabile”, costituita da componenti minori responsabili sia delle proprietà organolettiche (sapore, profumo), che di proprietà biologiche, nutritive e salutari.

Tra questi un ruolo di primo piano è giocato dai polifenoli, sostanze ad azione antiossidante e protettiva sui tessuti dell’organismo, in grado di contribuire alla prevenzione di fenomeni quali l’invecchiamento cellulare, l’aterosclerosi e la carcinogenesi. Gli effetti benefici dei polifenoli nei confronti del sistema cardiovascolare non si esauriscono tuttavia nella sola - seppur importante - prevenzione dell’aterosclerosi, ma sono da ricercarsi anche nelle loro proprietà antitrombotiche, antinfiammatorie e vasodilatatrici, queste ultime sostenute da un’aumentata liberazione di nitrossido da parte delle cellule endoteliali. 

Tra gli altri componenti minori dell’olio di oliva non devono essere dimenticate le vitamine liposolubili, in particolare la vitamina E ad azione antiossidante, la pro-vitamina A o beta-carotene, ad effetto protettivo sugli epiteli e stimolante la rigenerazione cellulare, e la vitamina D, con effetto regolatore sul metabolismo osseo.

Un toccasana per il cuore quindi, ma non solo. Anche gli epiteli, il sistema muscolo-scheletrico e ogni altro tessuto dell’organismo possono trarre beneficio dalle innumerevoli proprietà di questo alimento sempre più gradito e rinomato.

Olio d'oliva e vitamina D

Bella idea, arricchire l'olio d'oliva di vitamina D per combattere l'osteoporosi

All'Università di Napoli, Federico II, è stato presentato l'olio d'oliva arricchito di vitamina D per combattere l'osteoporosi. 

L'idea nasce dall'olio di fegato di merluzzo, che non è gradevole. 

L'uso del nostrano olio d'oliva rende più palatabile un alimento che si potrebbe usare nell'alimentazione di chi soffre di osteoporosi. 

L'osteoporosi è una malattia, che con gli anni rende le ossa fragili e quindi aumenta il rischio di fratture. 

La Vitamina D è indispensabile per il metabolismo osseo. 

Quindi assumere vitamina D fa bene per l'osteoporosi. 

In Italia ci sono 4 milioni di malati di osteoporosi e il 18% della popolazione è over 65 anni, da qui la conclusione, che se l'osteoporosi colpisce gli anziani, avere degli alimenti arricchiti può prevenire la malattia. 

Più olio extravergine d'oliva meno ictus
 

Uno studio condotto dall'istituto di ricerca INSERM in Francia e pubblicato su Neurology afferma che gli anziani che usano olio extravergine d'oliva riducono il rischio di ictus rispetto agli anziani che non lo usano. 

Lo studio aveva un campione di 7000 francesi oltre i 65 anni, è durato 5 anni ed ha utilizzato un metodo basato sull'osservazione. 

Il risultato osservato è che il campione che usava l'olio extravergine d'oliva riduceva del 41% il rischio di ictus rispetto a chi non lo usa. 

L'olio d'oliva per la sua composizione nutrizionale consente di mantenere sotto controllo il grasso addominale, la pressione arteriosa e il colesterolo soprattutto LDL. 

L'olio d'oliva è tipico della dieta mediterranea, che include anche frutta, verdura, pesce e carboidrati. 

Autore: Chiara De Carli





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy