Lampade a risparmio energetico

Perchè scegliere delle lampade a risparmio energetico?

Lampade a risparmio energetico

Che cosa sono le lampade a risparmio energetico? Si sente parlare sempre più spesso di queste lampade ottime per consumare minori quantità di energia ed anche per ridurre l'impatto ambientale, cerchiamo dunque di capire quali sono le loro caratteristiche. 

 

Anzitutto bisogna sottolineare che vecchie lampade, ovvero quelle ad incandescenza a quelle alogene ad alto consumo, dovranno essere eliminate completamente entro l'anno 2016.

 

Molti esercizi commerciali, peraltro, già ora hanno il divieto di vendere le lampadine obsolete ad alto consumo energetico, proprio perchè si possono vendere solo lampade di ultima generazione, ovvero lampade fluorescenti oppure alogene a risparmio energetico.

 

Le lampade a risparmio energetico sono effettivamente in grado di ridurre in maniera notevole i consumi: il risparmio è quantificato, in media, in 20 euro annui, mentre l'impatto ambientale è di gran lunga minore rispetto alle lampadine classiche.

 

E' stato calcolato infatti che il passaggio alle lampade a risparmio energetico dovrebbe implicare una diminuzione delle emissioni di CO2 nell'atmosfera di ben 38 milioni di tonnellate.

 

Le lampade a risparmio energetico emanano una luce in genere meno forte rispetto a quella delle lampadine classiche, comunque più che sufficiente per ottenere una buona illuminazione degli interni; conviene giusto optare per delle lampade più potenti nel caso in cui si debba illuminare un punto in particolare, piuttosto che un ambiente nel suo insieme.

 

Si tratta inoltre di lampadine particolarmente adatte ad ambienti dove è necessaria un'illuminazione continuativa: meglio dunque collocarle in stanze dove l'illuminazione rimane accesa per molte ore, piuttosto che in ambienti l'interruttore viene acceso e spento con frequenza.

 

Altro punto a favore delle lampade a risparmio energetico è sicuramente la minore produzione di calore, fattore importante soprattutto in estate.

 

Le vecchie lampade a incandescenza, infatti, trasformano appena il 5% dell'energia consumata in luce, dunque grandissime percentuali di corrente elettrica vengono trasformate in un indesiderato aumento della temperatura.

 

Le lampade a risparmio energetico richiedono una certa accortezza per quanto riguarda il loro smaltimento: contenendo mercurio, infatti, una volta esaurite devono essere gettate esclusivamente in cassonetti appositi; questo aspetto, tuttavia, è ampiamente compensato dal fatto che le lampade di ultima generazione durano molto di più rispetto alle lampade ad incandescenza.

 

La durata di una lampada fluorescente è infatti compresa tra le 8.000 e le 10.000 ore, dunque queste lampadine hanno una durata superiore fino a 10 volte rispetto alle vecchie lampadine.

 

Anche le lampade a led sono ottime per quanto riguarda il risparmio energetico, tuttavia il loro costo piuttosto alto ne ha ad oggi ridotto la diffusione; per quanto riguarda gli ambienti esterni, si segnala per convenienza economica e bassissimi consumi la lampada solare da giardino, in grado di tramutare l'irraggiamento solare diurno in illuminazione notturna.

 

Insomma, le lampade a risparmio energetico pur avendo un costo leggermente più alto rispetto alle lampadine classiche garantiscono un importante risparmio nel lungo periodo, con un incidenza ambientale notevolmente ridotta.

 

Riccardo G.

 

 

 





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy