Disturbo del sonno: dormite al buio

Dormire al buio per riposare meglio

Disturbo del sonno: dormite al buio

L’insonnia o comunque un grave disturbo del sonno, possono influenzare molto negativamente la qualità della vita delle persone che purtroppo devono combattere questo problema.

 

Una ricerca arrivata dagli USA, ha studiato questo problema, ed ha trovato una soluzione che potrebbe aiutare quanti devono convivere con questo disturbo.

 

Dormire male la notte a lungo andare, può  danneggiare la nostra vita sociale e abitudinaria.

Spesso questi effetti secondari sono sottovalutati, ma è necessario trovare la strada e i rimedi adatti per poter dormire tranquillamente la notte e riconquistare la serenità perduta.

 

Il disturbo del sonno, potrebbe essere favorito da abitudini sbagliate quali ad esempio la luce accesa nella stanza in cui dormiamo.

 

Per cercare di riposare meglio, esistono molti prodotti naturali che possono aiutare il normale ripristino fisiologico del riposo notturno, come molte tisane e preparati a base di erbe, che hanno funzione rilassante.

Quando si soffre di disturbi del sonno, però è sempre bene andare alla ricerca del problema.

La ricerca menzionata sopra, ha eseguito una sperimentazione su un gruppo di criceti che sono stati a loro volta suddivisi in due altri due gruppi diversi.

 

Un gruppo è stato messo in un luogo nel quale il suo sonno era disturbato dalle condizioni di luce perenne pari a quello dello schermo della televisione, che spesso molti dimenticano accesa durante la notte.

 

Invece l’altro gruppo è stato lasciato a riposare in condizione di buio totale.

La sperimentazione ha evidenziato che i criceti che erano stati lasciati a dormire in una condizione di disagio rispetto all’altro, hanno mostrato dei segnali di disturbo depressivo, dovuti proprio al malessere originato dal sonno.

 

I ricercatori, infatti, hanno spiegato che gli animali manifestano una condizione di disagio, rinunciando al cibo e agli alimenti di cui sono golosi.

Questo è ciò che è successo con le loro cavie, e che hanno permesso di arrivare a questa considerazione.

 

 

 





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy