Lipocavitazione

Medicina Estetica: lipocavitazione

Lipocavitazione

Una novità tutta da scoprire per affrontare in maniera più drastica e si spera più efficace l'odiosa buccia d'arancia.

La ricerca medico-estetica sulle tecniche per la riduzione delle adiposità localizzate e della cellulite ha sviluppato nuove metodologie, tra cui la Lipocavitazione, o Cavitazione a ultrasuoni, il sistema attualmente più innovativo e indolore per contrastare tali inestetismi.

Questo nuovo metodo, a differenza della Liposuzione classica, non prevede anestesia, interventi chirurgici e cannule aspiranti, bensì l'esperienza dell'operatore nell'uso mirato di un particolare strumento che emette ultrasuoni a bassa frequenza ( intorno ai 40 k Hz ) e direzionato su aree specifiche del corpo, provoca lo scioglimento del grasso superfluo contenuto nelle cellule adipose.

Gli effetti del trattamento sono di tipo micromeccanico, termico, chimico e naturalmente, di Cavitazione: ossia, la formazione, nel liquido interstiziale del tessuto adiposo colpito dal flusso ultrasonico, di microbolle gassose che, esplodendo, immettrono i lipidi in circolo.

Questi vengono metabolizzati dal fegato e espulsi dall'organismo attraverso l'attività dei reni. Spesso, i centri specializzati associano alla Lipocavitazione anche un ciclo di massaggi drenanti per favorire lo smaltimento delle tossine e del grasso.

Una silhouette "ultrasonica" L'azione lipoclasica esercitata dalla Cavitazione ultrasonica permette un miglioramento del profilo corporeo, della cute a buccia d'arancia e la riduzione dei noduli cellulitici.

Lucia Lamberti





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy