La salute della pelle: curare la pelle in età adulta

E' fondamentale mantenerla in buona salute. Ecco come la si protegge dalle aggressioni.

La salute della pelle: curare la pelle in età adulta

La pelle è l'organo con la superficie più estesa. Ha funzione protettiva, sensoriale, secretoria, termoregolatrice, di assorbimento, di permeabilità ed estetica. L'igiene della pellee la sua cura nei confronti di cause potenzialmente lesive (raggi solari, agenti contaminanti, detergenti eccetera) rappresentano elementi essenziali di prevenzione. Tuttavia, la pelle risente anche delle abitudini alimentari, voluttuarie, lavorative e dell'assunzione di farmaci. Inoltre, molte malattie di tipo internistico presentano manifestazioni cutanee. Si può quindi affermare che la pelle è lo specchio della nostra salute, del nostro stile di vita. La pelle, però, è una sola e quindi bisognerebbe preservarla il meglio possibile. Innanzitutto cercare di mantenerla in buona salute, evitare il più possibile di prendere troppo sole e, una volta nella vita, farsi fare la "mappatura dei nei".

Si potrebbe sintetizzare che i nemici della pelle sono: lo stile di vita quindi consumo di alcol, fumo di sigaretta, droga, poco riposo, tutte cose che procurano le rughe, il sole, le lampade abbronzanti (utilizzate in maniera scriteriata).

ALLARME CHERATOSI: L'ultimo allarme in fatto di tumori della pelle prende il nome di cheratosi solare e colpisce coloro che si espongono in maniera prolungata ai raggi solari o alle lampade abbronzanti. Il pericolo principale di questa malattia è rappresentato dalla cute attorno al tumore, che può a sua volta trasformarlo ed espanderlo, e nemmeno le operazioni chirurgiche di asportazione garantiscono dal rischio di crescita di nuovi nuclei cancerosi. Le persone predisposte sono i cosiddetti fototipi 1 e 2, cioè le persone con pelli bianche, occhi e capelli chiari, che si scottano facilmente. Ma sono comunque a rischio anche coloro che passano troppo tempo al sole.

La cura della pelle in età adulta

Una  volta arrivati alla soglia dei 40 anni dovremmo dedicare maggiori attenzioni alla cura della nostra pelle, soprattutto se ce n'è bisogno. E' in effetti allora che la nostra pelle inizia a perdere di fermezza ed elasticità e cominciano ad apparire le prime rughe significative; è anche il momento giusto per prender l'abitudine di idratare quotidianamente la nostra pelle. La costanza, come sempre, sarà la nostra arma migliore per lottare contro l'invecchiamento.

CONSIGLI UTILI: è necessario idratare la pelle tutti i giorni, soprattutto collomani e viso; quest'ultima per tutta la sua estensione, ossia, contorno occhi, palpebre, fronte, zigomi etc. Possiamo optare per una crema nutritiva di notte che contenga vitamine o che sia aricchita con prodotti naturali, giacché questa tipologia di creme previene in misura maggiore l'invecchiamento grazie a loro effetto tensore.

Una volta alla settimana sarebbe bene fissare un peeling e una maschera naturale che aiutano a pulire la pelle e a mantenerla perfettamente idratata. Sul mercato esistono centinaia di prodotti naturali che contengono elementi balsamici come olio di jojoba o il pantenol, benché quando si tratta di rughe la miglior soluzione secondo gli esperti sia l'applicazione dell'acido glicolico.

Bisogna inoltre ricordare che il trucco può accentuare i nostri tratti e aggiungerci qualche anno, soprattutto se siamo soliti truccarci molto pesantemente viso occhi e labbra. Marcare i tratti fondamentali del nostro viso non è per nulla positivo a quest'età.

Altre creme poi hanno un effetto tensore mediante l'applicazione di un vigoroso massaggio che, oltre ad intensificare la penetrazione della stessa, riattiva la circolazione sanguigna, cosa fondamentale per la tonificazione tanto cutanea quanto muscolare.

Virginia Lombardo





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy