Fumo : effetti sulla pelle

Il fumo nemico della pelle e della tua salute

Fumo : effetti sulla pelle

Il fumo è nemico del nostro benessere e della nostra salute.

Le sigarette attentano ogni giorno alla nostra vita nel lungo periodo, sappiamo bene quali possano essere gli effetti del fumo nel nostro organismo.

Oggi vediamo nel dettaglio che cosa comporta il fumo e le sostanze in esso contenute, sulla nostra pelle. Il fumo è stato riscontrato che invecchia la nostra pelle.

I primi danni visibili si verificano con il colore diverso della pelle e della cute. Il colore del viso si altera, tende ad avere un colore tendente al grigio, e la pigmentazione rossastra del viso diventa più evidenziata e marcata, su quella bianca.

 Il fumo effettua un’operazione lunga e continuativa nel tempo. I danni del fumo sulla pelle non sono subito evidenti, solo col tempo i danni diventeranno più evidenti .

Devono trascorrere circa  10 anni prima che la pelle inizia a rendere visibili i danni tossici del fumo. Quest’ultimo, infatti, agisce lentamente modificando le fibre elastiche dell’epidermide.

 Abbiamo già visto come il fumo possa danneggiare le unghie e le gengive, ingiallisce i denti e influisce anche sull’alito che diventa cattivo e alla caratteristica di sapore spiacevole in bocca.

Quando si fuma, si aspira il fumo e tutte le sostanze nocive che questo contiene, provocando l’innescamento di quei meccanismi tali all’interno del nostro corpo, che aumentano e accelerano la formazione di radicali liberi.

L’invecchiamento della pelle e del nostro intero organismo, infatti, dipende proprio da questi ultimi. I radicali liberi vagano per il nostro corpo e nel caso specifico si attaccano alle cellule dell’epidermide, intaccando il corretto funzionamento delle fibre di collagene e di elastina, che sono le fondamenta della nostra pelle.

 Quando questo meccanismo di alimentazione del derma non funziona, succede che la nostra pelle inizia a perdere la sua elasticità, luminosità e freschezza, iniziando quindi un lento e continuo invecchiamento epidermico.

Il fumo inoltre attacca le pareti dei vasi sanguigni, ostacolando in questo modo la giusta e adeguata ossigenazione della pelle. Il fumo fa male, danneggia la nostra salute, sotto ogni forma.

Sigarette e abbronzatura amiche delle rughe 

Sigarette e abbronzatura sono all'origine dell' invecchiamento precoce con rughe e pelle avvizzita. Questo è l’allarme lanciato dopo che sono stati diffusi i risultati degli studi pubblicati sull'ultimo numero di Cosmetic & Toiletries Science Applied.

Non serve barricarsi dietro alle scuse che si fuma poco, perché lo studio dimostra che bastano 2 sigarette al giorno e una dose di 2 ore di sole per causare danni alla pelle incrementando il rischio di invecchiamento precoce di ben 11 volte su chi non fuma e non si abbronza.

Se la quantità di sigarette aumenta, aumenta esponenzialmente anche il rischio rughe che può arrivare anche a dieci anni per chi fuma un pacchetto al giorno.

Howard Maibach, dermatologo presso la University of California School of medicine di San Francisco, ha sottolineato che si è servito un campione di gemelli sia monozigoti che eterozigoti, fumatori e non fumatori, per provare che il fumo fa invecchiare, anzi che più si fuma, più si invecchia prima e di più.

La pelle dei fumatori assume un colorito asfittico e spento, il viso assume un aspetto smunto, oltre a rughe e rughette. I danni del fumo sono davvero tanti, perché riduce l’ossigenazione della pelle, perché riduce la produzione naturale di collagene e affetta anche la funzione dei cheratinociti.

Tiziana Cazziero





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy