Come riconoscere il fungo della pelle

Che cosa è il cosiddetto "fungo della pelle"? Come si può contrastare?

Come riconoscere il fungo della pelle

Il fungo della pelle è un problema cutaneo davvero molto diffuso, che si può manifestare in modalità ed in forme davvero molto differenti. Ma che cosa si intende, esattamente, per “fungo della pelle”?

 

Il termine “fungo della pelle” è tipico del gergo comune; il vero nome di questa manifestazione cutanea è esattamente “micosi”.

 

La micosi è appunto un’infezione di natura funginea, la quale può interessare persone di ogni età. Si tratta di una manifestazione cutanea contagiosa, di conseguenza può essere trasmessa da soggetto a soggetto in maniera molto semplice e rapida.

 

E’ assai frequente, infatti, che la micosi sia contratta presso palestre, piscine, in particolare negli spogliatoi; tutti gli ambienti condivisi da molte persone, potenzialmente, possono essere causa di contagio di micosi.

 

Determinate condizioni ambientali, peraltro tipiche, appunto, degli spogliatoi e delle docce, ovvero elevato calore ed alta umidità, possono favorire notevolmente la diffusione del contagio.

 

La causa alla base della micosi è rappresentata dai cosiddetti miceti, dei veri e propri “funghi” infettivi che attaccano la pelle alterandone la normale condizione.

 

Ma in che modo si manifesta il fungo della pelle? Come può essere riconosciuto?

 

Il fungo della pelle è, in genere, causa di prurito: la zona cutanea interessata da questa irritazione, infatti, non tarda a causare dei piccoli fastidi, e lo stimolo a grattarsi può essere anche piuttosto forte.

 

Oltre a questo aspetto bisogna certamente sottolineare anche che i funghi sono molto visibili nel momento in cui “attaccano”, una determinata zona del fisico, quindi nel mentre ci si fa la doccia non è affatto complicato notare se in una zona del corpo sono comparse queste strane manifestazioni.

 

La pelle interessata da micosi, infatti, presenta delle macchie assolutamente tipiche dei “funghi”, accompagnate spesso da evidenti alterazioni cromatiche.

 

In genere, le macchie da micosi sono biancastre o tendenti al rosso, e non sono affatto rare cuticole o piccole croste.

 

Le tipologie di micosi da cui si può essere interessati sono numerose, e possono riguardare varie zone del corpo. Senza approfondire oltremodo le varie terminologie scientifiche con cui si definiscono i tipi di micosi, possiamo certamente sottolineare che le varianti più consuete riguardano la schiena, i piedi, le zone genitali, il cuoio capelluto.

 

Una volta riconosciuta una micosi, come bisogna comportarsi?

 

L’ideale, non ci sono dubbi, è rivolgersi ad un dermatologo; solo un professionista, d’altronde, può confermare che la manifestazione cutanea in questione sia o meno una micosi.

 

Oltre a questo, un medico saprà certamente valutare le caratteristiche della singola manifestazione, nonché le peculiarità della pelle del soggetto che ne è stato interessato, dunque riuscirà certamente a suggerire il trattamento più adatto per contrastare i “funghi”.

 

Le soluzioni che possono essere attuate da questo punto di vista sono numerose: normalmente, i casi di micosi possono essere fronteggiati in modo ottimale applicando sulla pelle degli appositi prodotti in crema o pomate.

 

Non sono rari, tuttavia, i casi in cui la micosi si manifesta in maniera particolarmente acuta ed importante; in simili occasioni, il dermatologo propone al paziente dei trattamenti medicinali differenti, magari basati sull’utilizzo di appositi antibiotici.

 

Questi sono, dunque, dei validi consigli per riconoscere la micosi cutanea; bisogna sottolineare tuttavia, che aldilà dell’evidente inestetismo, i funghi della pelle non devono preoccupare oltremodo, non essendo pericolosi.

 

Riccardo G.





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy