Carciofo: un amico per il fegato!

Carciofo: un amico per il fegato!

Carciofo: un amico per il fegato!

Il carciofo è una pianta di origini remote, che oggi viene coltivata in tutti i Paesi del Mediterraneo ad uso alimentare, ma anche terapeutico. Contiene, infatti, alcune sostanze come la cinarina, che contrasta il colesterolo, e l'acido caffeico, che ha un effetto antiossidante, entrambi utili per la salute della cistifellea edel fegato.

In Italia se ne possono trovare diverse varietà, spinose e non. Le più comuni, tra quelle spinose, sono i carciofi verdi della Liguria e del Palermo e quelli violetti di Venezia, Chioggia, Toscana e Sardegna. Tra le varietà non spinose la più conosciuta è quella romanesca, chiamata mammola, di colore verde, oltre a quelle catanesi e campani.

E' importante scegliere gli esemplari più piccoli con le punte ben chiuse e, una volta che sono stati puliti per raggiungere la parte centrale (il cuore), vanno lavati e asciugati; così si possono conservare in frigorifero, ma per non più di 5 - 6 giorni, in un contenitore a chiusura ermetica. In alternativa possono essere sbollentati con acqua e succo di limone e, in seguito, congelati.

 

Stefania Michelotti





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy