Arance biologiche: ottimo alimento per il sistema immunitario e non solo

Consumare ogni giorno delle arance biologiche può aiutare a tenere lontani i malanni di stagione

Arance biologiche: ottimo alimento per il sistema immunitario e non solo

Le arance biologiche sono un alimento di primissima scelta, ottimo, peraltro, per mantenere alte le difese immunitarie e proteggere l'organismo nei mesi più freddi, quando peraltro è facile essere interessati da attacchi batterici che possono comportare degli stati influenzali.

Le arance, come ben sappiamo, sono un frutto che contiene grandi quantità di vitamina C, una sostanza preziosissima in quanto ottimo antiossidante, dunque in grado di eliminare significative quantità di radicali liberi, ovvero la prima causa di danneggiamento cellulare; oltre a questo, la vitamina C è appunto un prezioso alleato per il sistema immunitario.

Non è certamente un caso se i medici consigliano, soprattutto in inverno e nei mesi in cui è previsto il picco degli attacchi influenzali, di consumare molti agrumi di questo tipo oppure di utilizzare un buon integratore di vitamina C, in modo da garantire all'organismo un buon apporto di questa utilissima sostanza; in particolare i bambini e gli adolescenti non devono mai trascurare, nella loro dieta questa vitamina.

Scegliere di utilizzare un buon integratore consente alla persona di assumere quotidianamente la quantità di vitamina C consigliata dai medici e dai nutrizionisti; una valida alternativa può essere ovviamente quella di gustare, ogni giorno, una buona quantità di agrumi di prima scelta, come ad esempio le arance biologiche.

Sappiamo bene come l'arancia sia un frutto ricchissimo di vitamina C, ma che differenza c'è tra una comune arancia e le arance biologiche?

Richiedendo al proprio fruttivendolo di fiducia delle arance biologiche, oppure acquistandole presso la grande distribuzione, si ha la certezza di comperare un prodotto di prima scelta.

Le arance biologiche, per l'appunto, provengono solo ed esclusivamente da colture biologiche, quindi sono coltivate senza alcun utilizzo di pesticidi, sostanze chimiche e conservanti. La totale assenza dell'utilizzo di prodotti di sintesi come questi è dunque una vera e propria garanzia di qualità e di genuinità.

Delle buone arance biologiche possono essere coltivate esclusivamente in zone che rispondono a determinati requisiti climatici e territoriali, e fortunatamente l'Italia può vantare numerose colture di agrumi di altissimo livello, soprattutto al Sud, ed in particolare in Sicilia.

Ed allora, consumare ogni giorno 2 o 3 arance biologiche durante i mesi più freddi, magari spremendole per sorseggiare una dissetante spremuta, è senza dubbio un vero toccasana, in grado tra le altre cose di proteggere l'organismo dai malanni tipici di stagione.

Arance bionde, arance rosse di Sicilia, super succo anti obesità 

Le bionde spagnole tornano in Sicilia, ma stavolta non parliamo di dinastie reali, parliamo di genetica e arance, perchè se insieme, sono contro obesità, diabete e malattie cardiocircolatorie. 

In Spagna sono nate le prime arance OGM, che fanno incontrare le arance dolci e bionde della Spagna con le rosse di Sicilia. 

Il super succo benefico è stato descritto sulla rivista Plant Cell ed è stato condotto dal John innes Centre di Norwich. 

Perchè unire le arance rosse alla bionde?

Perchè le rosse sono ricchissime di antociani, pigmenti, che oltre al colore conferiscono anche dei benefici come combattere l'obesità e le malattie cardiocircolatorie. 

Le rosse però sono merce rara e difficile da coltivare, perchè per avere quelle proprietà hanno bisogno di maturare e crescere in condizioni particolari. 

Per evitare questa criticità si è pensato di unire le difficili rosse alle bionde, che non sono così difficili da coltivare, in modo da avere tutti i vantaggi delle rosse in modo più semplice. 

In conclusione si penasa di avere un super succo OGM per avere tutti i benefici delle rosse di Sicilia nelle bionde di Spagna. 

Riccardo G.

 





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy