Mirtilli rossi per le vie urinarie

Le proprietà benefiche dei mirtilli rossi

Mirtilli rossi per le vie urinarie

Anche se meno noti ed utilizzati rispetto ai classici mirtilli neri, a causa soprattutto del loro sapore amarognolo, i mirtilli rossi (noti anche come cranberries) vantano numerose proprietà benefiche che ne fanno uno degli alimenti "top" utili a prevenire o trattare condizioni come l'aterosclerosi, l'invecchiamento, i disordini intestinali e soprattutto le infezioni delle vie urinarie.

 

Le loro proprietà salutari, depurative e detossificanti sono in gran parte dovute all'elevatissimo contenuto in sostanze antiossidanti, tra cui antocianine, tannini, resveratrolo, vitamina A, vitamina C e selenio. Ma i mirtilli rossi sono anche ricchi di acidi organici, utili a migliorare la funzione digestiva, nonchè fibra solubile (pectine), acido folico e ferro, questi ultimi indispensabili per prevenire varie forme di anemia.

 

Tuttavia è soprattutto a causa della loro azione antisettica a carico delle vie urinarie, che le preparazioni a base di mirtilli rossi vengono usate in terapia. 

 

Recentemente è stato possibile dimostrare che, a differenza di quanto ritenuto in passato, l'azione benefica a carico dell'apparato urinario non è dovuta ad un effetto di acidificazione delle urine, ma è piuttosto imputabile a particolari sostanze contenute nei mirtilli rossi (antocianine e tannini) che preverrebbero l'adesione dei batteri alle pareti della vescica e la loro successiva crescita e moltiplicazione.

 

La loro efficacia è particolarmente evidente nei casi di cistite recidivante da E. coli, che può essere efficacemente trattata consumando mirtilli rossi freschi, oppure sotto forma di succo o decotto, per un periodo variabile da uno a tre mesi. Per alleviare il sapore amarognolo, è consigliabile aggiungere alle preparazioni un cucchiaino di zucchero o, ancora meglio, di miele.

 

Chiara De Carli





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy