Emergenza punture di insetto

Punture di insetti, in particolare zecche e zanzare, possono causare malattie gravi. Consigli per proteggersi.

Emergenza punture di insetto

L'aumento delle temperature e l'afa di questi giorni vede una nuova emergenza alle porte: le punture di insetto. I medici lanciano un serio avvertimento sui pericoli di punture di insetti, in particolare zecche e zanzare, che possono causare malattie gravi.

Il morso può essere nulla più che un fastidioso leggero prurito, ma è la malattia che portano gli insetti, che può diventare un serio problema medico. Cose semplici accorgimenti, come indossare un spray o una crema repellente per gli insetti, controlli di routine sul proprio corpo, indossare camicie a maniche lunghe e pantaloni in prossimità di aree boschive o zone erbose può impedire un inaspettato viaggio al pronto soccorso.

Per le punture da Zecche entro poche settimane l'infezione si può diffondere ed appaiono macchie di color salmone con una escrescenza bianca al centro. Se non trattata l'infezione può diffondersi al cuore, al cervello e al sistema nervoso. La puntura di zecca può portare anche a febbre improvvisa, mal di testa, dolore muscolare accompagnato da una eruzione cutanea sulle mani e piedi dopo circa 5-10 giorni dal morso.

E' necessario controllare regolarmente se stessi e fare sempre doccia bagno dopo una potenziale esposizione. Se siete stati presi di mira da una zecca, rimuoverla con pinzette delicatamente, è pericoloso lasciare una parte del corpo di questo animale dentro la ferita, meglio, se non esperti, andare al pronto soccorso.

Punture di zanzare
La maggior parte delle persone hanno lievi reazioni a punture di zanzare, ma alcuni hanno reazioni allergiche gravi che richiedono un trattamento di emergenza. Inoltre, le zanzare possono portare malattie come il virus del Nilo occidentale o encefalite.

Molti ricorrono a pesticidi per uccidere le zanzare, ma sono efficeci anche citronella e geranio. E' bene spalmare o spruzzare sostanze repellenti per insetti soprattutto di notte. Vanno protetti soprattutto i bambini, ma per quest'ultimi non tutti i prodotti sono adatti.

Il tramonto e l'alba, sono I momenti più a rishio, ovvero quando gli insetti sono in maggior numero.

Evitare di mettere i piedi vicino a zone di nidificazione, come pozze d'acqua stagnante, immondizia, lattine e giardini dove i fiori sono in fiore.

Non lasciare il cibo, bevande scoperte all'aperto.

Francesca Bianchi





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy