Digitopressione per ridurre segni di invecchiamento e rughe

È possibile ottenere una pelle migliore con la digitopressione!

Digitopressione per ridurre segni di invecchiamento e rughe

Agopuntura e Digitopressione: due tecniche che utilizzano gli stessi principi, ma strumenti differenti. Agli aghi usati in agopuntura si sostituisce la pressione esercitata dalle mani e dalle dita.

La digitopressione può essere utilizzata per correggere squilibri del sistema pelle, quindi rughe sul viso, cedimenti dei tessuti e macchie della pelle, occhiaie e borse sotto gli occhi.

La tecnica aiuta il corpo a regolare la libera circolazione del sangue e facilitando l'assorbimento dei nutrienti. Praticare regolarmente la digitopressione stimola inoltre il drenaggio linfatico e migliora la capacità della pelle di respirare. Il lavoro più importante sta nel migliorare la capacità di produzione di collagene in grado di ammorbidire la pelle. Si può in questo modo ridurre la presenza di rughe e la pelle reagisce assecondando la contrazione muscolare.

Bastano 5 minuti di allenamento al giorno per donare alla pelle un aspetto più liscio, rilassato e uniforme. E' possibile praticare su se stessi il massaggio benefico soprattutto sul viso.

Per una seduta di digitopressione completa si intende la stimolazione dei principali canali energetici del corpo: stomaco, fegato, milza, reni, vescica e intestino crasso. La tecnica prevede l'uso del palmo della mano per un massaggio con movimento circolare avanti e indietro per 30 secondi su ogni canale.

La digitopressione è molto popolare in Cina. Viene utilizzata per alleviare i più disparati dolori. Non solo, è comune praticare digitopressione in caso di infertilità. Sembra che la fonte della Vita risieda due pollici sotto l'ombelico . Praticare dei massaggi delicatamente durante le mestruazioni e l'ovulazione, avrebbe quindi effetti benefici sull'efficienza e la salute dell'intero apparato riproduttivo.

Francesca Bianchi





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy