Crema, fango o fiale anticellulite?

Come scegliere il trattamento anticellulite più adatto

Crema, fango o fiale anticellulite?

Con l'arrivo dell'estate, si ripropone il problema antiestetico per eccellenza: la cellulite.

 

Le vetrine delle profumerie hanno una vasta scelta di prodotti per combattere la cellulite: sembrerebbe proprio esserci l'imbarazzo della scelta. Tuttavia, ogni prodotto è pensato per esigenze specifiche.

 

Le creme, per esempio, sono certamente il prodotto anticellulite più diffuso: stimolano la microcircolazione cutanea ed hanno un effetto drenante, che permette di combattere la ritenzione idrica, così eliminando gli accumuli di grasso che favoriscono la formazione della cellulite.

 

Alcune creme sfruttano l'effetto caldo-freddo, che oltre ad essere efficace, è anche molto piacevole.

 

Le creme anticellulite sono indicate per prevenire la formazione della cellulite o per contrastare gli accumuli di recente formazione e, per essere efficaci, vanno usate con costanza durante l'anno ed applicate con un auto massaggio cutaneo profondo.

 

I fanghi, invece, sono un vero e proprio trattamento di bellezza: provengono dalle alghe marine, di cui conservano intatti, dopo la lavorazione, tutti i principi attivi.

 

I fanghi si applicano sulla parte interessata con un leggero massaggio e, per essere efficaci, il loro effetto va "attivato" coprendoli con uno strato di cellophane, che crea un ambiente umido, in cui i principi attivi esplicano la loro efficacia.

 

I fanghi devono agire per almeno 45 minuti e poi essere risciacquati: l'effetto iimmediato è quello di sentire subito la pelle più liscia.

 

In realtà, già dopo qualche applicazione, vedremo ridursi gli odiosi cuscinetti.

 

I fanghi sono indicati per i depositi più risalenti e hanno il difetto di essere soggetti ad una lunga applicazione e -spesso- di non avere un profumo gradevole.

 

Una valida alternativa, quindi, sono le fiale anticellulite: qui tutti i rpincipi attivi sono estremamente concentrati e danno vita ad un trattamento d'urto.

 

Le fiale si appicano sulla pelle precedentemente esfoliata, che sarà più ricettiva al trattamento, e solitamente basta una fiala al giorno per la zona da trattare, da utilizzare per una ventina di giorni all'anno.

 

Se però la cellulite è particolarmente persistente, possiamo aumentare la dose a due fiale al giorno ed il periodo a sei settimane.

 

Gli effetti sono essere visibili già dopo le prime applicazioni.





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy