Cambio sesso al San Camillo struttura specializzata

cambiare sesso è in aumento, l'ospedale San Camillo Forlanini divulga i dati

Cambio sesso al San Camillo struttura specializzata

Cambiare sesso? Sembrerebbe che negli ultimi 5 anni le richieste di interventi per cambiare sesso siano aumentate del 25%.
A divulgare questi dati è Aldo Morrone, direttore generale dell'Ospedale San Camillo-Forlanini di Roma,  una delle poche strutture ospedaliere in Italia specializzata in questo tipo di interventi. Gli interventi eseguiti in Italia sono circa 1500-2000, di cui CIRCA 600 al S.Camillo  negli ultimi 20 anni.

La diagnosi di 'Disforia dell'identità di genere" dopo lunghi e accurati incontri è la diagnosi che consente di effettuare l’intervento. Di questi circa 600 casi del San Camillo, circa 370 casi sono stati effettuati su uomini per diventare donna e circa 220 da donna per diventare uomo. Questo tipo di intervento non è assolutamente semplice, richiede un percorso lungo e sono necessari più interventi per ogni paziente. Morrone inoltre dice che sono circa 10 persone al mese che chiedono di cambiare sesso. Queste persone sono prevalentemente italiane, sui 30 anni e con istruzione medio alta. Le cause del disturbo d'identità di genere sono ancora sconosciute, si ipotizzano che siano cause psico biologiche, ma sono solo ipotesi.

Non solo gli adulti vengono sottoposti a questo tipo di intervento, ma anche dei neonati e bambini che presentano già dalla nascita dei difetti evidenti di differenziazione di genere, ne sono colpiti 1 neonato su 4/5 mila. Negli ultimi 5 anni sono stati eseguiti  350 interventi su bambini entro i 6 anni di età.  

Morrone denuncia che il taglio di fondi e di personale potrebbe compromettere questo servizio che è a carico del Servizio sanitario nazionale per la parte chirurgica, mentre il supporto psicologico è pagato dal paziente stesso. Parte così l’appello alle istituzioni ed anche al ministero delle Pari Opportunità. Le attività nonostante questa spada di Damocle dei tagli continua senza interruzioni. 





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy