Alimenti per colite: quali vanno eliminati dalla dieta?

Chi è affetto da colite deve necessariamente evitare alcuni tipi di alimenti.

Alimenti per colite: quali vanno eliminati dalla dieta?

La scelta degli alimenti per colite è fondamentale per poter curare in maniera adeguata questa patologia che interessa tantissime persone.

 

La colite è una malattia di tipo infiammatorio che riguarda l'intestino, precisamente il colon, ovvero l'ultimo tratto dell'intestino crasso, ed è facilmente individuabile grazie a dei sintomi piuttosto evidenti e fastidiosi, come dolori a livello addominale, diarrea e flatulenze.

 

Le cause alla base dell'insorgere della colite sono numerose, e non sono legate esclusivamente all'aspetto puramente alimentare.

 

Certamente, influiscono in maniera notevole l'assunzione di cibi ai quali si è intolleranti, la scarsa introduzione di acqua nell'organismo ed in generale un regime alimentare poco equilibrato e povero di alcune sostanze; ma non è tutto qui.

 

Anzitutto, infatti, c'è da sottolineare che la colite è una malattia che interessa soprattutto le donne, dal momento che l'intestino è notevolmente influenzato dai cambiamenti ormonali femminili; non a caso infatti le donne affette da colite sono pressochè doppie rispetto agli uomini.

 

Inoltre, possono influire negativamente sullo stato di salute dell'intestino anche degli stati psichici di particolare stress, come ad esempio l'ansia per un imminente esame, per l'esito di un colloquio lavorativo o per altre situazioni analoghe.

 

Gli alimenti per colite più indicati per chi deve fronteggiare questa patologia sono senza dubbio quelli ricchi di acqua, di fibre e di sali minerali, come ad esempio la verdura e la frutta; sono consigliatissimi inoltre i cosiddetti probiotici, degli integratori alimentari che regolarizzano la flora batterica intestinale.

 

Quanto agli alimenti da evitare, invece, la lista è lunga: si dovrà rinunciare agli alcolici, alle bevande gassate, la frutta secca ed i legumi secchi, i cibi piccanti e speziati.

 

Aldilà di questi consigli generali, il medico potrà indicare al singolo paziente dopo un'apposita visita un regime alimentare più preciso, in considerazione delle caratteristiche dell'organismo e delle relative reazioni a determinati alimenti.

 

Riccardo G.





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy