Acido folico, fondamentale in gravidanza

l'acido folico previene il rischio di malformazioni e gravi malattie nel feto

Acido folico, fondamentale in gravidanza

L'acido folico, o vitamina B9, non viene prodotto dall'organismo, quindi va assunto tramite il cibo in dosi giornaliere di 0.2 mg. L'acido folico ha un'importanza notevole nel periodo della gravidanza, di fatti è stato scoperto che previene numerose malformazioni neonatali.
Il feto, utilizzando le riserve di vitamina B9 della madre, ne prende le riserve, che di conseguenza devono raddoppiare durante i nove mesi; le donne in attesa devono quindi assumere 0.4 mg di acido folico al giorno per garantire al bambino il giusto nutrimento.
Il momento più importante in cui rafforzare l'apporto di questa vitamina è proprio l'inizio della gravidanza. Nel primo mese dopo il concepimento il feto sviluppa e poi chiude il tubo neurale, quella parte che si sviluppa per formare il cervello; chi programma una gravidanza dunque è bene che inizi a seguire una dieta ricca di acido folico già qualche tempo prima, utilizzando ove necessario integratori. Una carenza eccessiva di vitamina B9 nella futura madre aumenta il rischio di problemi legati al tubo neurale del feto, come la spina bifida o l'anacefalia.
La spina bifida è il più frequente di questi difetti e comporta conseguenze molto diverse tra loro; da gravi disabilità fisiche, a ritardi mentali a idrocefalia.
L'anacefalia comporta una imparziale o mancata formazione del cervello, proprio a causa della non completa chiusura del tubo neurale. In questo caso il bambino morirà prima o immediatamente dopo la nascita.
Oltre che causa di malformazioni e problemi legati al sistema nervoso, la vitamina B9 è responsabile di un buon funzionamento del sistema cardiovascolare e nella prevenzione di malattie congenite legate al cuore.
Come i folati agiscano per la prevenzione e la riduzione dei rischi di malformazione non è ancora perfettamente chiaro, ma studi e ricerche affermano che le donne che seguono una dieta ricca di vitamina B9 e ne aumentano la dose in vista e durante la gravidanza, sono meno a rischio.

 

di Brigida Ambrosio





LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy