Lesbica: ecco perché non le hanno fatto donare il sangue

All'ospedale rifiutano la donazione perché lesbica

Lesbica: ecco perché non le hanno fatto donare il sangue

Il fatto è successo a Roma al Policlinico Umberto 1°.

Una giovane donna di 39 anni si è sentita rifiutare come donatore di sangue perchè convivente di una donna da 4 mesi. 

la giovane donna ha avviato una pratica legale al fine che sia tutelata e soprattutto che non sia discriminata per la sua sessualità. 

A questo proposito è intervenuta la direzione del centro trasfusionale dell'ospedale dicendo che non ci sono leggi che vietano di donare sangue agli omosessuali. 

La cautela è d'obbligo, perchè dopo aver compilato un questionario è il medico che decide se un individuo può essere considerato a rischio o meno. 

per sabilire che una persona sia a rischio si deve valutare ed analizzare il questionario e le risposte date e quindi è a discrezione del medico decire chi può donare il sangue o meno. 

 Queste valutazioni esulano dal giudizio personale e sulla sessualità di un individuo.

La direzione informa che dev'essere rispettato il segreto professionale, ma che sarà fondamantale valutare i contenuti del questionario per fare chiarezza sull'accaduto. 

Le associazioni romane di Arci gay e Gay Center, hanno rilasciato delle dichiarazioni che evidenziano l'esigenza di fare luce sull'accaduto, perchè vietare la donazione solo sulla base della dichiarata omosessualità è una violazione delle norme nel nostro paese. 

 

 



LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy