I geni influiscono sulla voglia di dolce

Un ormone che comanda la tua voglia di dolce

I geni influiscono sulla voglia di dolce

Ti capita spesso si avere un’irrefrenabile voglia di dolce? Non riesci proprio a controllare la tua voglia di un dolciume?


Non riesci a controllare la linea per la continua tentazione golosa che senti di dover sopperire?

Oggi si scopre che potrebbe essere tutta colpa di un gene che controlla la tua voglia di dolce.


La scoperta arriva da un gruppo di ricercatori della Svezia i quali asseriscono, che hanno dimostrato che tutto potrebbe dipendere dal difetto di un gene, che influirebbe su un ormone in particolare, la grelina.


Quest’ultimo, infatti, regola il nostro desiderio di mangiare o nello specifico la nostra voglia di qualcosa di dolce.


La ricerca eseguita in laboratorio su un gruppo di topolini ha evidenziato proprio questo.


Alcuni degli esemplari della ricerca sono stati privati della grelina, e in loro si è mostrata una differenziazione di comportamento rispetto agli altri esemplari che non avevano subito questo tipo di privazione.

 


Il gruppo senza la produzione di questa sostanza, non avevano nessun interesse verso i cibi zuccherini.


Questo a detta degli specialisti che hanno eseguito questa sperimentazione, apre le porte per la ricerca in tal senso.


La grelina era una sostanza che già in passato era stata sotto esame, anche per altre dipendenze, come l’alcol e droga.

 

Questo risultato permette di ricercare nuove terapie in merito, oltre a quelle già presenti e sperimentate, in grado di aiutare quei soggetti che devono continuamente controllare la voglia di dolce, e che hanno gravi rischi di peso e obesità.

 

Ha dichiarato il responsabile della ricerca, che questo studio è stato necessario per poter finalmente asserire che anche la dipendenza da cibo può essere classificata come una malattia e trovare così la giusta terapia per i soggetti interessati da questo disturbo.

 

Tiziana Cazziero



LASCIA UN COMMENTO

 Ho preso visione e accetto l'informativa sulla privacy